martedì 9 maggio 2017

Il coro di Nein

Passata l'euforia per lo scampato pericolo, i tedeschi riprendono con il consueto coro di Nein: niente eurobond, niente unione di trasferimento. Alcuni commenti comparsi fra ieri e oggi sulla stampa tedesca: Frankfurter Allgemeine Zeitung, German Foreign Policy e Deutschlandfunk.de 



Il neo-eletto Macron non puo' certo sperare di ricevere dai tedeschi come regalo di benvenuto gli eurobond. Contro una messa in comune del debito si sono pronunciati il Ministro delle Finanze della Baviera Markus Söder (CSU), il vice capogruppo dell'Unione (CDU-CSU) Ralph Brinkhaus e il vice presidente della SPD Carsten Schneider. "La Francia ha bisogno di crescita, crescita che non puo' essere ottenuta creando ulteriore debito ma solo con vere riforme", ha detto Söder alla FAZ.

La Germania non deve cambiare la propria politica finanziaria. La politica di stabilità ha salvato l'Eurozona. "Gli Eurobond, come la messa in comune del debito oppure l'unione di trasferimento sarebbero dei segnali completamente sbagliati", ha detto il politico della CSU. Ogni paese dovrà onorare il proprio debito. Il contribuente tedesco non deve essere costretto a pagare per i debiti fatti dagli altri paesi. "Non è che abbiamo abolito i trasferimenti fra i Laender tedeschi per introdurli poi in Europa". Come Ministro dell'Economia Macron si era infatti pronunciato a favore dell'emissione di Eurobond.

"Non è politicamente sostenibile in Germania"

Anche il politico della CDU Brinkhaus non ha mostrato alcuna volontà di assecondare tali desideri di Parigi o Roma. "Continuiamo a rifiutare gli eurobond", ha detto alla FAZ. La messa in comune del debito nell'UE, non solo riduce la pressione a fare le riforme nei paesi in crisi, ma "per ragioni molto valide non è politicamente sostenibile in Germania", ha sottolineato Brinkhaus. Il politico della SPD Schneider ha detto: "Non abbiamo bisogno degli eurobond e ancora meno di una garanzia comune superiore a quella messa in campo attraverso l'ESM e dalla BCE".



Gli interessi tedeschi

Il giorno dopo le elezioni cominciano ad emergere le distinzioni. "Gli squilibiri internazioniali non possono essere rimossi premendo un tasto", cosi' ha detto a "Die Zeit" Dieter Kempf, Presidente della Federazione delle Industrie tedesche (BDI, la Confindustria tedesca), e ha proseguito, l'Europa intera beneficia delle eccessive esportazioni tedesche [10]. L'UE non ha bisogno "di nuove idee per una nuova Euro-unione di trasferimento, come invece aveva chiesto Macron in campagna elettorale", spiega il Presidente dell'Associazione delle Imprese Familiari, Lutz Goebel. [11] Sulla pretesa di Macron di creare un Ministro delle Finanze europeo, il Presidente della Commissione UE Jean-Claude Juncker lunedi a Berlino ha detto: "sarà un'impresa alquanto impegnativa". [12] Le richieste fatte da Macron sono già state avanzate dai suoi 2 predecessori: entrambi hanno combattuto, entrambi hanno fallito - nel tentativo di convincere il governo federale tedesco. [13] Un governo economico dell'UE non corrisponde agli interessi tedeschi, ha invece spiegato Dominik Grillmayer, dirigente presso il Deutsch-Französisches Institut di Ludwigsburg: "la Germania non trascurerà i propri interessi nazionali per perseguire l'interesse generale e salvare l'Europa" [14]. Vale a dire: per Berlino è piu' importante il benessere nazionale.

[10] Karin Finkenzeller: Ein Auftrag für Berlin. www.zeit.de 08.05.2017.
[11] Thomas Thieme: "Macron wird ein herausfordernder, aber konstruktiver Partner". www.stuttgarter-nachrichten-de 08.05.2017.
[12] Juncker ist skeptisch über Macrons "Euro-Finanzminister". www.bild.de 08.05.2017.
[13] S. dazu Das Spardiktat und Der Juniorpartner.
[14] Karin Finkenzeller: Ein Auftrag für Berlin. www.zeit.de 08.05.2017.



Il futuro Presidente francese Macron con le sue idee per una politica fiscale europea ha incontrato la resistenza dei tedeschi, il capogruppo dell'Unione al Bundestag Fuchs ai microfoni di DLF (Deutschlandfunk) ha escluso gli Eurobond. Il Commissiario UE Oettinger ha invece respinto la richiesta di un Ministro delle Finanze europeo.

Ai microfoni di Deutschlandfunk Fuchs ha ribadito che il governo tedesco continua ad essere contrario ai titoli di stato europei comuni, i cosiddetti eurobond. Ogni paese deve continuare ad essere responsabile per il proprio debito. Se accadesse il contrario, ogni paese inizierebbe a prendere tutto il denaro di cui ha bisogno fino a quando "non crollerebbe l'intero sistema", ha messo in guarda il politico della CDU. il Presidente delle Camere di Commercio, Schweitzer, si è espresso alle stesso modo sulla "Rheinischen Post".

Anche la proposta di Macron di dotare l'Eurozona di un proprio Ministero delle Finanze ha incontrato delle critiche. Il Commissiario UE Oettinger sulla "Rhein-Neckar-Zeitung" ha dichiarato che non considera questa proposta una buona idea. La Commissione UE ha già oggi il compito di supervisionare i bilanci europei, l'Eurogruppo decide sugli aiuti finanziari e l'ESM è disponibile a finanziarli. Al momento non ci sarebbe alcun motivo di cambiare quest'architettura.



1 commento:

  1. Forse proprio grazie a Macron riusciremo a liberarci. Del resto la Storia ci insegna che per sconfiggere i tedeschi questi devono prima convincersi di essere invincibili.

    RispondiElimina